NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Lettori fissi

Recensione film: The circle - 2017








Nome film: The Circle
Diretto da: James Ponsoldt
Anno: 2017
Data di uscita nelle sale: 27 Aprile 2017 (IT)

Principali interpreti: 

Emma Watson
Tom Hanks
John Boyega














Mae Holland è figlia unica in una famiglia di condizioni economiche modeste. 
Suo padre è affetto da sclerosi multipla e non può permettersi le cure costose che gli sarebbero necessarie. 
Mae lavora presso un call center ed è rassegnata a un'odissea di precarietà e invisibilità sociale. 
A sorpresa, la sua amica Annie riesce invece ad assicurarle un colloquio con l'azienda futuribile per la quale lavora, The Circle, che assume cento nuovi dipendenti alla volta. 
E Mae supera il colloquio, entrando in un universo parallelo che supera ogni sua immaginazione: un campus popolato da migliaia di giovani che lavorano insieme e frequentano le attività ludiche e sportive incessantemente organizzate dai due direttori dell'azienda, Eamon Bailey e Patton Oswald.





















Per la serie “Film di cui non ne sentivamo l’esigenza neanche lontanamente”: eccovi servita la recensione di The Circle, film campione di flop del 2017 ed ispirato all’omonimo libro distopico bestseller del 2013 di Dave Eggers.



A me dispiace prendere in oggetto un film e demolirlo fotogramma per fotogramma.
Seriamente.
Perché comunque è stato svolto un lavoro, per quanto approssimativo sia.
Forse scelgo male i film da vedere, forse ho aspettative troppo alte, forse le idee geniali sono proprio finite e pace.
Farò meglio ad abituarmi a questi scempi.
E voi alle mie recensioni dissacratrici.





Prima di iniziare vi dico che scriverò TUTTA la “trama” – purtroppo non ho trovato un altro aggettivo per descrivere il nulla cosmico del film – ed anche il “finale” 
(ma tanto vi anticipo che non ci ho capito nulla, quindi bene così e farò anche le mie famose supposizioni)









Ciao a tutti, sono Mae ed ho un Nokia 3310 in barba agli Iphone





Mae è una ragazza di provincia, adora fare gite in kayak in solitaria ed ha un pessimo lavoro sottopagato e non può permettersi di aiutare suo padre per curare la sclerosi.
Fin qui, più che distopico, il film sembra ambientato in Italia e non nel futuro, ma nel presente disastrato dei ragazzi senza futuro.






Vieni a lavorare a The Circle, abbiamo i biscotti ;)






Un bel giorno, però, viene contattata dalla sua amica Annie, che la invita a fare un colloquio a The Circle, una specie di colosso futuristico che ha implementato le funzionalità di Google e Facebook e fornisce gadget ipertecnologici che farebbero luccicare gli occhi a tutti i nerd senza speranza di guarigione (e che come bonus rinchiude i suoi dipendenti in una sorta di campus a mo’ di prigione dorata extralusso che Dubai, a confronto, è un quartiere povero).
La giovane, idealista, ingenua, friendzonatrice (sì, perché il suo amico d’infanzia Mercer ci prova ma lei risponde picche e fa finta di non capire) Mae verrà assunta mai?
Che domande!
Ovvio, se no il film mica si poteva sviluppare.





Che lavoro di merda, ma il 27 (giorno di paga) è uno stile di vita




La assumono con un contratto che sembra tanto uno di quelli da call-center italiani (quindi ad iper-sfruttamento) ma con la differenza sostanziale che ha uno stipendio da favola e l’assistenza sanitaria estendibile anche ai familiari (forse è un futuristico/distopico proprio per questo).






Che lavoro di merda pt.2: anche i colleghi sono deficienti -_-





In sostanza, ogni giorno deve totalizzare il 100% di feedback per la risoluzione dei problemi (che non si capisce quali siano) e deve obbligatoriamente partecipare a delle feste per i dipendenti ed aggiornare i social, questo perché “Si deve condividere tutto in questa enorme famiglia che è The Circle!!111!!!!1111!!!” (cit. i colleghi psicopatici che hanno la sindrome acuta da ficcanaso negli altrui affari).





Ma guarda quanti idioti lavorano per The Circle!





Ogni venerdì, Bailey, uno dei fondatori di The Circle, tiene una conferenza per tutti i dipendenti, e mostra le nuove tecnologie prodotte.
Ma a noi non cambia la vita sapere che ‘sto tizio con manie di grandezza ha inventato una telecamera Full HD che è grande quanto una nocciolina, si può mimetizzare ovunque e che avrà il prezzo dei pantaloni dei cinesi e chissenefrega della privacy.





CHISSENEFREGA DELLA PRIVACY!






Naturalmente Mae, che ancora tiene agli affari suoi, passa il weekend senza aggiornare i social (per la felicità dei suoi colleghi spioni) e, presa dalla disperazione che suo padre non migliora nonostante le cure, va a fare un giretto sul kayak rubato, di notte, infrangendo almeno millemila leggi e rischiando di morire per annegamento (sì, perché questa scema che conosce il kayak da anni ad un certo punto si dimentica come si pagaia).
Roba che Hermione Granger l’avrebbe come minimo cruciata, poi avadakedavrizzata e le avrebbe anche raccomandato di “rivedere le sue priorità”.





Scusami, scusami tanto, Mae: PETRIFICUS TOTALUS!





Insomma, sta tizia viene salvata in tempo zero da due droni di salvataggio (perché privacy zero e se stai a pagaiare da sola di notte è solo un’illusione, perché ci sono ovunque quelle videocamere) ed addio fine della prima, straziante, mezzora.







Sei una tizia fuori come un balcone: ci piaci e ti assumiamo!






Mae, dopo un colloquio/lavaggio del cervello da parte dei fondatori di The Circle, accetta di essere la prima beota persona ad indossare una telecamerina (ovviamente Ful HD) con la quale può comunicare con i suoi followers sparsi per il mondo e condividere ogni momento della sua vita.






Anvedi te 'sta stronza: mi ha fregato il lavoro -_-





Alla faccia di Annie, che per tutto il film si fa in quattro per farsi notare da oltre un anno, prende delle pasticche di non so cosa per bloccare il sonno e renderla attiva, beve sempre caffè e si fa venire una crisi isterica in preda all’invidia più selvaggia.






Hello followers, oggi è una splendida mattina e mi sono appena svegl....MA CHE ME FREGA!





Da qui in poi, Mae fa emergere l’Hermione Granger prepotente sopita in lei (versione undicenne ma palesemente più stupida) e diventerà una saccente proponitrice di idiozie idee che sfociano nel ramo del paranormale: la più epica delle sue sparate è stata quella di obbligare tutti i cittadini aventi diritto a votare tramite il social The Circle per eliminare le astensioni e le schede nulle, oltre che far risparmiare miliardi allo Stato e farli guadagnare ai fondatori dell’App.
Emozionante, nevvero?
Adesso ditemi se, con il voto da App, esiste ancora il diritto alla segretezza.
Ah, vero: siamo tutti una big community e chissenefrega della privacy pt.2.






Mi manca solo di pubblicare un libro a caso e diventerò più popolare degli Youtuber! Gnagnagna :P






Dopo molte mezzore a vedere Mae (ormai è diventata una web star che youtuber vari levatevi proprio) che parla sola come una scema – cosa che peraltro è – anche mentre si lava i denti o fa plinplin, fortunatamente avviene qualcosa che, nella mente della famosa accoppiata vincente Regista&Sceneggiatore avrebbe dovuto svegliare il moribondo spettatore: fanno schiattare male Mercer.
Per farla breve: Mae, che ormai presenta le famose riunioni al posto di Bailey, dà il via ad un nuovo quanto inutile progetto chiamato SoulSearch, che in meno di venti minuti trasmette nome e foto del “ricercato” a tutti gli iscritti a questo social e permette di rintracciare…chiunque.
Il primo esperimento va bene: cercano e braccano un’assassina ricercata in meno di dieci minuti e la Polizia mutissima.
Il secondo un po’ meno: la folla chiede a gran voce di cercare Mercer, e lo trovano mentre si sta facendo gli affaracci suoi (forse è l’unico, in questo film) a casa sua.
Ovviamente, per fuggire dalla folla di invasati pro-The-Circle prende il furgone e da il via ad una brevissima quanto patetica corsa che fa rimpiangere gli inseguimenti mozzafiato di The Bourne Identity della durata di oltre cinque minuti buoni.    
Naturalmente, arrivati al ponte, la macchina sbanda e cade.
Sotto gli occhi di Mae.




"Mae usciamo stasera?" - "Certo, ti faccio sapere domani"




R.I.P Mercer, insegna agli angeli come farsi friendzonare nelle uniche due scene in cui ti si vede.






Era meglio il Nokia 3310



Ad ogni modo, nell’ultima parte del film – grazie al cielo – Mae torna a casa, spegne la videocamera per tre giorni e fa finta di essere addolorata per la perdita di Mercer.
Fa finta, perché non piange, non urla, non fa nulla se non dormire.
Dicevi a tutti che era il tuo amico e non ti senti in colpa per averlo esposto al tuo stupido giochino, nato solo per ottenere ancora più fama?
Evidentemente l’era 2.0 fa cambiare le priorità, per la gioia della Signorina Granger latente in lei.
L’unica cosa che fa è videochiamare Annie, che è nelle Highlands a riprendersi dall’esaurimento e come cura ha cambiato colore di capelli ed ha messo le extension.
Del resto si sa che, ad una donna, basta cambiare look e ritorna come nuova, no?






"Mae usciamo stasera?" - "Certo, ti faccio sapere domani" pt.2





E ci avviamo verso il rush finale: Mae, che ormai è una pazza con manie di grandezza, aiutata da un tizio che si rivela essere il vero sviluppatore del social network e ci prova con lei (ma picche anche per lui), svergogna pubblicamente i due fondatori di The Circle alla riunione del venerdì per avere, a detta sua, quella trasparenza che entrambi pretendevano dai dipendenti.
Il film finisce con Mae che si dà nuovamente al kayak, seguita da due droni e che saluta il nulla, mentre la camera stringe e mostra miliardi di monitor con tutte queste finestre nella vita di tutti e chissenefrega della privacy pt.3.





Mercer tvbttt, ho fatto un casino, ti voglio bene uguale ma sono una star ormai e quindi pace.
 R.I.P.





Mi chiedo cosa passi nella mente della nostra illustre accoppiata vincente Regista&Sceneggiatore (che, ahimè, conincide anche questa volta nella figura di un unico superuomo d'annunziano).
Sono quasi sicura che il libro da cui è tratto sia un capolavoro (non l’ho letto – SHAME ON ME – ma è in whishlist da anni) – perché si sa che la riuscita di un film è inversamente proporzionale al contenuto del libro – ma la sensazione è che abbiano voluto ricreare un film che mixa le atmosfere di due capolavori, The Truman Show e 1984, ambientandolo nel futuro e con il palese intento di criticare il mondo 2.0 che, con i suoi social, impone l’apparire e non l’essere.
Il problema è che, però, si è messa troppa carne sul fuoco e si è bruciata la grigliata, lasciando il posto al fumo negli occhi procurato da due superstar mondiali protagoniste (Emma Watson e Tom Hanks) e facendo morire di fame la trama perdendo di vista quello che andava detto.




Eccheppalle l'insalata!



  
Una delle note dolenti, oltre la trama (non infierisco più di tanto, basta leggere quello che ho scritto prima), è la recitazione.
Sono affezionata ad Harry Potter ed è il motivo per cui leggo, ci sono cresciuta insieme, ho la stessa età del golden trio e tante altre belle cose ma…ma…Emma Watson, per quanto sia diventata ambasciatrice Onu, sia un’attivista per i diritti delle donne ed io la stimi sul fronte umano (oltre che per aver interpretato la Corvonero mancata – perché se no Harry e Ron col cavolo che superavano il Tranello del Diavolo!), è innegabile che non sa uscire dal ruolo di Hermione, che ha ricoperto per oltre dieci anni.






Ah, hai detto "mimica facciale"?






Essere un’attrice implica anche dover usare la mimica facciale e lei, al di là delle quattro smorfie che ha fatto in tutto il film, non è andata.
Un minimo di faccia disperata per suo padre o per Mercer, giammai!
Smorfietta di circostanza a mo’ di defecazione et voilà: cachet da favola e ruolo ricoperto.
Stessa cosa che ho riscontrato nell’altro film di cui nessuno sentiva la necessità: il live action de “La bella e la bestia”.
Ruoli dove basta che le metti un libro in mano ed è subito “Hermione che fa il cosplay di Belle” e “Mae che viene posseduta da Hermione con il delirio di onnipotenza”.  
E che dire di Tom Hanks?
Fiacco.
Due premi oscar e non sentirli.
Trascurato e barbuto come in Cast Away ma ahimè appesantito.
Roba che Forrest Gump fuggirebbe a gambe levate.





Folla di gente che si è pentita di aver speso i 7€ del biglietto






Insomma, questo è il classico film che, se fosse stato un articolo, non avremmo esitato a definirlo clickbait.
Del resto, con un grande attore come Tom Hanks, che ha sempre abituato gli spettatori a film di eccellenza e qualità, chi si aspetta che compaia sì e no in dieci scene ed abbia un ruolo marginale e non riesce ad essere un vero villain?
Ed Emma Watson, che non ha fatto gavetta, perché ha avuto la fortuna di avere un ingaggio a soli dieci anni ed otto film.
Ci aveva abituati bene, con la saga di Harry Potter, ma ancora è troppo acerba e dovrebbe studiare recitazione.
Sarò cattiva, ma il flop è dovuto maggiormente a lei, che con il suo ruolo da protagonista non è riuscita ad uscire indenne da nessuno dei tanti colloqui a due anche con gli altri attori, nonostante la presenza di un Tom Hanks fuori forma.




In questa foto notiamo l'entusiasmo strabordante di Mae Holland che ha appena saputo di essere stata assunta a tempo indeterminato





La cosa che mi fa ridere è che, in questo film, l’intento è quello di criticare gli eccessi del mondo 2.0, ma per la realizzazione sono stati ingaggiati proprio i più amati del web che, di sicuro, hanno assicurato l’enorme entrata della fetta di pubblico affezionato.
Critica, ma dai alla gente ciò che vuole.
Marketing puro, che sono felice di non aver assecondato.






"Mi dispiace che vi ho fatto perdere 110 minuti della vostra preziosissima vita e spendere 7€ di biglietto per un film demmerda"






Ah, proprio perché viviamo nel mondo della digitalizzazione, purtroppo per voi mi trovate anche nella comunità Instagram (clicca qui perseguirmi) e Facebook (clicca qui per mettere mi piace).
Se volete i profili invasi dal marketing spicciolo e followers comprati non troverete riscontro.
Se invece volete leggere opinioni schiette e sincere, come questa, non ve ne pentirete.
Forse. 😊   










Grazie per essere arrivati fin qui!
Come al solito, fatemi sapere se avete visto questo film, se vi è piaciuto o se, come me, avete atteso questa schermata con tutta l'energia rimasta nel vostro corpo...








Recensione a cura di:









Non perdere nessun aggiornamento sui prossimi post:












 Segui "La Soffitta dei Libri Dimenticati" anche su Youtube e non perderti tutte le puntate di "ADOTTA L'EMERGENTE"



ISCRIVITI AL CANALE YT








Trovate tutti gli aggiornamenti sulle mie letture su GoodReads




AGGIUNGIMI GU GOODREADS







Se sei un frequentatore abituale del mio blog e ritieni utile il lavoro che svolgo, considera l'ipotesi di fare una donazione libera a sostegno del mio impegno 


DONAZIONE LIBERA
BUY ME A KO-FI









2 commenti:

  1. Ciao tesoro, ti ho nominato ad un premio, ti aspetto ❤
    http://lalibreriadibeb.blogspot.it/2018/04/my-world-awards-2018.html

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensa la gente di quello che dico..
Avanti..COMMENTATEEEE!!!!! :D

Pro o contro??

Il rasoio di Occam - Elton Varfi

IL RASOIO DI OCCAM di Elton Varfi Editore: Self Data di uscita: 2018 Formato: ebook/  cop...