NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Lettori fissi

Il giorno di Alma (cortometraggio inedito di Marco Iannece) - Alla scoperta delle nuove promesse del panorama letterario e cinematografico! #1



Cari amici,

Tra impegni improrogabili, problemi vari e scomparsa di questo file (che non avevo pubblicato per scarsa banda di connessione) dal mio bizzoso portatile (perdonatelo, è un Vista..seh, vistamare!! ahaha) già pronto per la pubblicazione, eccomi tornata per inaugurare la nuova sezione dedicata ai giovani talenti!!


Il protagonista di oggi è il giovane Marco Iannece.

Mi ha contattata perchè desiderava che io recensissi un suo lavoro, il cortometraggio "Il giorno di Alma".

Ed eccolo accontentato!


Trama & Commento




Copertina del manoscritto a cura di Valeria Casale
Come ho già scritto, è un cortometraggio.
 E' di sole 5 pagine, ma è molto incisivo.

Il "giorno di Alma", come dal titolo, è, in pratica, il giorno della fine del mondo. Una catastrofe che non si può evitare, si dice. Ed ecco che Marco ci guida in uno spaccato di vita di alcuni personaggi: una famiglia religiosa, due fidanzati, un uomo solo alle prese con la scelta di avverare un suo sogno, una vedova che prenderà una decisione drastica davanti alla tomba del marito, un padre ed un figlio orfano della madre durante la loro ultima cena.

Devo ammettere che mi è molto piaciuto: raramente mi imbatto in lavori del genere.
Leggo spesso romanzi e sceneggiature di film (si, altra mania che ho..ehehe) ma non ho mai letto cortometraggi di questo genere.
Mi ha colpita la chiarezza con cui s'impone allo spettatore (o, in questo caso, al lettore).
E' molto scorrevole, le musiche adeguate e, in alcuni momenti, molto triste e drammatico.

Ricordiamoci che stiamo parlando dell'ultimo giorno di vita che si ha.
Le ultime ore che si hanno a disposizione.
Le domande che mi sono sorte, dopo averlo finito, sono state: ma se io conoscessi in anticipo il giorno della mia morte, che cosa farei? Dove passerei le ultime ore? Impazzirei o rimarrei lucida ad aspettare la mia fine?

Quesiti a cui non si può rispondere.

Non so per quale motivo, ma queste riflessioni mi hanno fatto pensare immediatamente ad Orson Welles ed al suo spettacolo radiofonico "La guerra dei Mondi" che, nel 1938, fece scatenare un suicidio di massa.
Ok, nel 1938 bastò un ragazzino poco più che ventenne a far temere alla popolazione un attacco da parte degli alieni, ma cosa avremmo fatto noi al loro posto?

E chi lo sa?

Ad ogni modo, ho discusso con Marco di un punto che mi preme in particolar modo: mi piacerebbe molto se diventasse un qualcosa di più di 5 pagine.

Naturalmente, capisco che se è nato per essere un cortometraggio, tale deve rimanere (anche io m'imbestialisco quando mi dicono di continuare il mio secondo racconto..Se è nato in un modo, deve morire in quel modo! E si, mi riferisco alla mia amica S..). Ciò non toglie che magari il personaggio di Rob e dell'impiccato (i miei preferiti) mi piacerebbe che venissero approfonditi con una loro storia a se stante.
O magari no. Magari è meglio lasciare l'anonimato all'impiccato ed alla sua vita.
C'è più gusto nell'immaginazione, no?



Biografia dell'Autore




Una foto dell'Autore
Marco Iannece nasce a Roma il 26 Febbraio del 1992.Alle medie capisce, grazie ad un corso di teatro, che la sua strada sarebbe stata il cinema. Studia poi presso una scuola per la formazione di odontotecnici con la speranza di trovare un lavoro non appena uscito.Nei cinque anni passati in quella scuola raggiunge obbiettivi importanti, politicamente parlando, fino a diventarne rappresentante d’istituto durante l’ultimo anno.Nel frattempo si dedica a numerose esperienze sportive e non,che lo aiutano ad accrescere la sua personalità. In seguito all'esperienza avuta in Croce Rossa sceglie di frequentare il corso di laurea in scienze infermieristiche all'Umberto I di Roma.Fra i suoi lavori si contano tre stesure col progetto di farne altrettanti cortometraggi e dell’ultimo periodo otto diversi progetti che, molto probabilmente, diventeranno dei fumetti grazie all'aiuto di alcuni amici e amiche.





Che dire? Lui ha il fegato di chiedere opinioni..e tu?
Se anche tu, come Marco, scrivi cortometraggi, o scrivi romanzi (o altro ancora) non esitare a visitare la sezione dedicata alle nuove promesse del panorama letterario!
Sarò lieta di recensire il vostro lavoro!





Nessun commento:

Posta un commento

Mi piace sapere cosa ne pensa la gente di quello che dico..
Avanti..COMMENTATEEEE!!!!! :D

Pro o contro??

Niente è uguale - Luciana Berello

NIENTE E' UGUALE di Luciana Berello Editore: Aletti Editore Data di uscita: 2017...